This is Photoshop's version  of Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit.uci elit consequat ipsutis sem nibh id elituci elit consequat ipsutis ...

Follow me on instagram

Contact us

Eighth Avenue 487, New York 
Phone: +387643932728
Phone: +387123456789

EARTH FLAGS

EARTH FLAGS

Le personalissime mappe-bandiere di Serradifalco sono un visionario “RisiKo” geopolitico che travalicano i confini codificati dall’uomo, in cui paesi separati da modelli economici e di sviluppo, confessioni religiose, dalla storia come dalla geografia politica convergono, si intersecano, l’uno a completare l’altro. E nel simbolo più emotivamente sensibile per ciascuno, vale a dire la bandiera nazionale. Una scelta questa di Serradifalco per interrogarci, ancora una volta, in maniera tutt’altro che implicita: è proprio vero che la geografia serve a fare solo la guerra, compresa quella economica? E se ci fosse un’altra geografia possibile per riflettere e agire sul mondo quando proviamo a osservarlo per esempio, come in questo caso, dal satellite adottando il medesimo punto di vista di Dio? Insomma la carta geografica è un indicatore forte del potere politico e si presenta, pertanto, fisiologicamente fredda, astratta. E l’artista siciliano (come altri artisti contemporanei, a partire dalla palestinese Mona Hatoum) intende scardinarla proprio per questo a nuove emozioni. Ecco spiegate, forse, quelle sottili sfumature personali di perdita, il disorientamento e il senso d’esilio esistenziale che producono le “Earth Flags”, intrise come sono – attraverso un’estetica sapiente – di nostalgia inquietante di un futuro migliore possibile, ma poco probabile, in una società ormai assuefatta a chiudere gli occhi difronte a scomode verità.

(Cesare Biasini Selvaggi)

Prev
Next